• Inglese

Categoria: Blog

Revival: il Marsupio

  • Blog

Come per ogni revival di tutto rispetto anche il marsupio, tornato alla ribalta da qualche stagione , è diventato ormai un accessorio Must da avere accanto nei nostri viaggi sia d’estate sia d’inverno. Poshead lo rivisita in maniera persuasiva, presentando la sua versione trilogy che lo vede trasformarsi da marsupio a tracollina e poi a clutch per la sera.

Nato come accessorio sportivo negli anni ’80 questo particolare borsello è stato accantonato per oltre un ventennio e compie adesso la sua ri-apparizione in chiave totalmente diversa.

Da articolo delimitato ad un settore e un pubblico sportivo, per lo più maschile, il marsupio, insieme ai jeans a vita alta e alle ciabatte in gomma è protagonista indispensabile delle fanatiche dello street glam e di tutte quelle donne che vogliono muoversi liberamente portando sempre con loro l’indispensabile.

La reinterpretazione di Poshead ha reso chic questo accessorio, trasformando sapientemente dal classico marsupio in un accessorio quotidiano di indispensabile utilizzo e dal forte carattere cool; grazie ad un’attenta selezione di diversi pellami in diverse tonalità abbinati agli occhiali Lucy in galalite in diversi colori, il Marsupio diventa l’iconico Posh Belt, indossabile in vita grazie alla cintura in pelle, a tracolla- fornita in metallo nichel free- e a mano, proprio come una borsetta da sera….

Non ci resta che sbizzarrirci a creare il nostro marsupio Poshead preferito grazie all’accostamento che più ci piace, da esibire in maniera entusiasta come un trofeo anni ’80 o come uno tra i più moderni e innovativi accessori, di uso pratico quasi quanto un portamonete o nella maniera più sofisticata possibile come un accessorio gioiello. 


Per info e contatti seguici su

bagtothefuture, Made in Rome, manifattura italiana, marsupio, Poshead, revival

Moderni Argonauti

  • Blog

Nella dimensione di un universo parallelo al mondo visibile, quello del pianeta Poshead, è l’interpretazione dell’artista che delinea la visione di tutto l’oltre che c’è dietro ogni cosa , è l’artista che si fa carico della scoperta e attraverso la sua opera rende noto al pubblico il mondo oltre la realtà delle cose .

Le sensazioni che si ottengono nell’ammirare ogni singola opera, ogni borsa in questo caso, è di libera lettura per ogni fruitore che si cimenti nell’ammirazione di ogni singolo manufatto.

Ma non basta: il concetto Poshead va anche oltre questo e lascia ad ogni persona la possibilità di esprimersi creando il suo alter ego che rappresenti se stesso nella dimensione reale del vivere.

Il pianeta Poshead è composto di esseri antropomorfi con la borsa come testa dove l’accessorio degli occhiali, must Poshead ora realizzato anche in versione vera da portare come accessorio da vista o da sole e non solo come elemento decorativo sulle borse, serve ad interpretare la realtà oggettiva per renderla soggettiva . Attraverso lo sguardo delle lenti Poshead ognuno è libero di guardare oltre l’apparenza delle cose e viceversa anche di lasciarsi rappresentare da esse.

Osservando questa foto non si può non pensare alla prima passeggiata lunare dove gli astronauti, protagonisti di una scoperta esclusiva, portavoce di una realtà che doveva ancora essere esplorata prima che riportata al mondo intero, indossavano dei caschi proprio come i personaggi del Pianeta Posh, qui intenti a guardare l’obiettivo, immobili e quasi in posa un attimo prima di un’azione da compiere.

E proprio come ai protagonisti delle missioni Apollo ai quali fu data la possibilità di rinominare le navicelle, l’Apollo 10 decise di chiamare Brown e Snoopy rispettivamente il Modulo di Comando e il Modulo Lunare così Poshead sceglie di chiamare le teste di queste creature col nome di Steam, dalla omonima collezione di borse che ne denomina la linea. http://bit.ly/collezionesteam

Il parallelismo tra i più noti astronauti delle missioni Apollo e i moderni argonauti del mondo Poshead si fa ancora più stretto e interessante se ci ricordiamo dell’alter ego di Snoopy Joe Falchetto -o Joe Cool in lingua originale- che indossava gli occhiali da aviatore, gli stessi occhiali dei personaggi di questa foto.

La parola d’ordine per tutti questi viaggiatori avventurosi è il don’t stop!nessuno di tutti i personaggi che abbiamo elencato si ferma alle apparenze delle cose ma fa una continua esplorazione oltre la realtà e una ricerca oltre le leggi convenzionali, libero e privo di schemi.

E tu, che protagonista Poshead sei?

Apollo10, Astronauti, Aviatori, borse con occhiali, Moderni Argonauti, Navicella Spaziale, Pianeta, Snoopy, steam

Don’t Stop Made in Italy

  • Blog

Non abbiamo petrolio e miniere ma possiamo primeggiare nel mondo con la fantasia,

Enzo Ferrari


Poshead con la palma di migliore rappresentante tricolore, la Ferrari

Abbastanza buono non è mai abbastanza buono quando l’obiettivo è l’eccellenza.

 La comune ricerca di innovazione, originalità, identificazione e autonomia: l’orgoglio di far parte della famiglia del Made in Italy

Poshead Made in Rome


Ferrari, Formula Uno, made in italy, Made in Rome, Poshead

Addio Christo

  • Blog

Poshead borse con gi occhiali
Christo a Roma nel 1974 durante il lavoro di impacchettamento delle Mura Aureliane

Ci ha lasciati a 84 anni Christo: era il maggiore esponente di quella corrente americana sorta alla fine degli anni ’60 negli USA, la Land Art, caratterizzata dall’intervento diretto e su larga scala dell’artista sulla natura.

La sua ultima opera ci ha consentito di camminare sulle acque, quelle del Lago d’Iseo in Italia, patria che ha tanto amato e effimericamente contaminato con tutti i suoi impacchettamenti, da Roma a Milano  passando per Spoleto.

Poshead vuole rendere omaggio all’artista dell’arte provvisoria, visionario e fedele ribelle alle omologazioni del passato, ricordandolo con una sua frase del 1958:

 “La bellezza, la scienza e l’arte trionferanno sempre”. 

View this post on Instagram

Artist Christo Vladimirov Javacheff, known as Christo, passed away of natural causes today at his home in New York City. He was 84 years old. . Statement from Christo's office: "Christo lived his life to the fullest, not only dreaming up what seemed impossible but realizing it. Christo and Jeanne-Claude's artwork brought people together in shared experiences across the globe, and their work lives on in our hearts and memories. Christo and Jeanne-Claude have always made clear that their artworks in progress be continued after their deaths. Per Christo’s wishes, 'L'Arc de Triomphe, Wrapped' in Paris, France, is still on track for Sept. 18–Oct. 3, 2021." . Christo was born on June 13, 1935 in Gabrovo, Bulgaria. He left Bulgaria in 1957, first to Prague, Czechoslovakia, and then escaped to Vienna, Austria, then moved to Geneva, Switzerland. In 1958, Christo went to Paris, where he met Jeanne-Claude Denat de Guillebon, not only his wife but life partner in the creation of monumental environmental works of art. Jeanne-Claude passed away on November 18, 2009. Christo lived in New York City for 56 years. . From early wrapped objects to monumental outdoor projects, Christo and Jeanne-Claude's artwork transcended the traditional bounds of painting, sculpture and architecture. Some of their work included Wrapped Coast in Australia (1968–69), Valley Curtain in Colorado (1970–72), Running Fencein California (1972–76), Surrounded Islands in Miami (1980–83), The Pont Neuf Wrapped in Paris (1975–85), The Umbrellas in Japan and California (1984–91), Wrapped Reichstag in Berlin (1972–95), The Gates in New York’s Central Park (1979–2005), The Floating Piers at Italy's Lake Iseo (2014–16), and The London Mastaba on London's Serpentine Lake (2016–18). . Christo's temporary work of art in Paris, France, titled L'Arc de Triomphe, Wrapped (Project for Paris), is scheduled for Sept. 18–Oct. 3, 2021. Additionally, a major exhibition at the Centre Georges Pompidou about Christo and Jeanne-Claude's work and time in Paris will be on view this year, from July 1–Oct. 19, 2020. . In a 1958 letter Christo wrote, 'Beauty, science and art will always triumph.' We hold those words closely today.

A post shared by Christo and Jeanne-Claude (@christojeanneclaude) on

Art, Christo, Land Art, made in italy, Made in Rome, Poshead